Lasciati ispirare

La baita dei giochi: un esempio di costruzione fai da te

Come realizzare da sé un luogo di svago.
Scarica come pdf
Ristrutturazione tetto con Tegola Tegal innotech

Come realizzare da sé un luogo di svago

Sull’altipiano alle spalle di Genova, a Tiglieto, un curioso “commesso viaggiatore” ha messo a disposizione la dependance della sua casa padronale estiva per ospitare amici (altrettanto curiosi) e passioni comuni.

È così che nasce la Baita dei giochi: una piccola e graziosa costruzione immersa nel verde, edificata per lo svago ed il tempo libero.

Custodisce auto d’epoca amorevolmente rimesse in sesto e riunisce gli appassionati, che di tanto in tanto si incontrano per condividere questa passione. Ma non solo!

Nel tempo, intorno allo stesso vitalissimo personaggio, si è creata un’associazione culturale che produce docufilm: filmati che raccontano la vita ed il passato delle vallate circostanti riunendo, per l’occasione, tutti gli abitanti del posto che in qualche modo ed a vario titolo vengono coinvolti.

…per attività divertenti ed interessanti

Viste le numerose e vivaci attività avviate, era necessario disporre di una costruzione semplice e flessibile.

Ed è così che è stata pensata e realizzata una struttura costituita da:

- un avancorpo, che realizza il ricovero delle autovetture
- un secondo ambiente, di dimensioni maggiori, caratterizzato al piano terra da un ampio spazio dove ci si svaga e in cui nascono le storie, le sceneggiature, i dialoghi
- un soppalco, come tutti i solai che si rispettano, divenuto un crogiuolo di quegli oggetti, vestiti e cianfrusaglie più disparati, indispensabili per girare i film.

Un luogo vitale, zeppo di stimoli, ricordi e cose divertenti.
 

Un tetto che asseconda la geografia locale

Nel momento in cui è emersa la necessità di questo luogo, il nostro versatile amico ha deciso di costruirlo autonomamente, a tempo perso, rendendo un hobby anche la fase realizzativa (ma naturalmente rispettando un progetto autorizzato!).

L’ha pensato come ad una baita, perchè siamo sull’Appennino.

Si è richiamato, per amore e rispetto dei luoghi, alle forme ed ai volumi tipici della zona. E si è affidato a materiali con effetti estetici analoghi a quelli tradizionali locali. È così che ha pensato alla pietra ed al legno.

Relativamente alla copertura, le necessità erano molteplici:

- bisognava assecondare pendenze elevate
- affidarsi ad elementi che non facessero passare e soggiornare i ghiri, vero flagello in campagna;
- e richiamarsi alle scandole in legno, che un tempo realizzavano i tetti nelle circostanze.

Ecco allora che Tegal Innotech, la tegola piana di BMI Wierer, rappresentava l’elemento più adeguato ed era adatto nella sua versione “testa di moro”.

Le attività collettive e ricreative necessitano, inoltre, di essere ospitate in ambienti confortevoli; ecco così che con altrettanta semplicità è stato definito un “pacchetto” ventilato, inserendo la corretta stratigrafia di impermeabilizzazione ed isolamento.

Scopri i prodotti